FUSIONE PESCARA-MONTESILVANO-SPOLTORE:

DAL M5S EMENDAMENTI AL DECRETO CRESCITA

PER NUOVI BENEFICI FINANZIARI

Due emendamenti presentati dal deputato M5S Andrea Colletti potrebbero portare 11 milioni di euro annui per dieci anni nelle casse della Nuova Pescara

Pescara, 21.05.2019 – Eliminare i limiti dei contributi straordinari previsti dalla normativa nazionale in modo da dare ancora più benefici finanziari ai Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore in vista della loro fusione. È il contenuto del primo dei due emendamenti presentati dal deputato pescarese Andrea Colletti al DL Crescita attualmente in discussione alla Camera dei Deputati.

La presentazione questa mattina in una conferenza stampa nella sede del M5S Pescara con: l’avv. deputato M5S Andrea Colletti, l’ing. candidata sindaco M5S al Comune di Pescara Erika Alessandrini e l’arch. candidato sindaco M5S al Comune di Montesilvano Raffaele Panichella.

Se dovesse essere approvato il primo di questi emendamenti, la nuova amministrazione comunale riceverebbe dei benefici finanziari non più limitati a massimo 2 milioni di euro annui, ma potrebbe raggiungere il massimo bonus possibile, ovvero oltre 8 milioni di euro annui per 10 anni” spiega il deputato Andrea Colletti.

Il secondo emendamento presentato dal deputato M5S prevede, inoltre, contributi straordinari dedicati alla fusione dei Comuni più grandi, come quello di Pescara-Montesilvano-Spoltore, che potrebbero portare nelle casse del nuovo ente altri 30 milioni di euro in dieci anni. “Portare a compimento la fusione, quindi, genererebbe non solo un risparmio in termini di spese correnti, una migliore integrazione dei servizi e una maggiore capacità attrattiva della Nuova Pescara dal punto di vista turistico, ma benefici finanziari che diversamente la città perderebbe. In questi giorni cercherò di convincere i miei colleghi di maggioranza della bontà dell’iniziativa che spero possa trovare un consenso bipartisan” aggiunge il deputato Colletti.

Il Movimento 5 stelle è l’unica forza politica che può garantire, ad ogni livello istituzionale, un impegno concreto in favore della fusione dei Comuni – afferma la candidata sindaco M5S per Pescara Erika AlessandriniIl PD ed il centrosinistra ci hanno fatto perdere 5 anni di tempo in Regione Abruzzo. La destra è, come sempre, in disaccordo anche con se stessa: mentre a Pescara Masci e la Lega si dicono fermamente a favore della Nuova Pescara, a Montesilvano De Martinis ha dichiarato ai quattro venti di volersi opporre con ogni forza all’avanzamento dell’iter. Il tutto nel silenzio assordante della Regione Abruzzo, che in 3 mesi di governo non ha mai fatto accenno al tema della fusione della Nuova Pescara. Chi mente?”

Da troppo tempo le nostre città subiscono i ritardi e lo scarso coraggio di una politica miope e campanilistica che continua a farci perdere fondi importanti e ci impedisce di crescere e confrontarci con le altre grandi città in vista della macroregione adriatica. Con la vittoria del M5S nei comuni di Pescara e Montesilvano potremmo finalmente dare un impulso concreto al percorso di fusione: questo sarà il nostro impegno, a garanzia del rispetto della volontà popolare”, continua Erika Alessandrini.

Ho sempre sostenuto che la fusione dei tre Comuni rappresenta un importante punto di arrivo per tutta la nostra comunità – conclude il candidato sindaco M5S a Montesilvano Raffaele PanichellaQuesti emendamenti, se approvati, contribuiranno sotto il profilo economico-finanziario ancor più a sostenere le ragioni di chi ben 5 anni fa ha creduto in questo percorso. E sono stati in tanti, visto che 7 cittadini su 10 si sono espressi favorevolmente. Chi, come la coalizione di centro destra a Montesilvano, si ostina ad affermare che la fusione non porta vantaggi all’economia locale e che il voto referendario del 2014 è da invalidare perché i cittadini non hanno ben capito cosa si andava a votare, dimostra ancor di più di essere fuori dal tempo e dalla storia”.

Share: